images00L2IV7VQuanto sono lontani i tempi in cui Beppe Grillo, in maniera sibillina, spiegava come il governo Letta fosse condizionato fin dalla nascita da “manine straniere” (clicca per leggere). E come sono lontani i tempi in cui il M5S- da bravo scolaretto- si limitava a recitare il ruolo di “sfogatoio” buono per assorbire e paralizzare il dissenso delle tante vittime di un sistema politico tradizionale violento, nazistoide e perverso. Oggi le cose sono cambiate. E come insegna il manuale dell’ipocrita perfetto si può dire la verità e difendere gli interessi dei poveri e dei deboli solo stando volutamente all’opposizione; quando si entra nella stanza dei bottoni, invece, bisogna assorbire concetti come “responsabilità” e “moderazione”, termini orwelliani che indicano la disponibilità a garantire continuità sostanziale con il passato fingendo di cambiare tutto solo in superficie. L’eterno risorgere del Gattopardo insomma. Il Movimento 5 Stelle adesso mostra senza pudori il suo vero volto, passando all’incasso dopo avere per anni fatto diligentemente il “lavoro sporco”. Il Sistema massonico dominante, quello che controlla giornali come l’Economist (clicca per leggere) o il Financial Times, comincia guarda  caso a tessere le lodi dei “grillini”, finalmente pronti all’ingresso nelle stanze del potere previa avvenuta maturazione constatata direttamente dai soliti infallibili incappucciati muniti di grembiule (ovvero manifesta disponibilità nel servire gli interessi della Alta Massoneria e della Alta Finanza). Da un lato i seguaci del guru Casaleggio negano la tessera  ai “massoni paesani” iscritti in qualche innocua  loggetta di provincia composta magari perlopiù da tromboni retorici e demodé; dall’altro però non si fanno scrupolo nel vezzeggiare, blandire e baciare l’anello dei massoni che non fanno folklore ma contano per davvero, “iniziati” potenti come quelli che hanno recentemente chiamato a rapporto quel damerino di Luigi  Di Maio (clicca per leggere)  per istruirlo a dovere e, magari, cominciare a “levigarne la pietra grezza” in vista di una ventilata e prossima ascesa nell’empireo del potere sorretta dall’occhio benevolo del “Grande Architetto” dall’accento inglese (per cogliere l’invadenza anglosassone nella storia recente italiana leggere “Il Golpe Inglese” e “Colonia Italia”). Questa doppia morale suscita effettivamente schifo e ribrezzo, facendo tornare alla mente esempi del passato non proprio edificanti. Tutti sanno, ad esempio, che in apparenza tanto il fascismo di Mussolini quanto il nazismo di Hitler perseguitarono la massoneria. Pochi sanno invece come tanto il fascismo quanto il nazismo ricevettero cospicui aiuti finanziari da importantissime centrali massoniche sovranazionali, vere levatrici di due fenomeni politici passati alla storia come sublimazione stessa dell’infamia e della  vergogna imperitura (Vedi, tra gli altri, Antony C. Sutton, Wall Street and the rise of Hitler). Oggi il copione si ripropone, validando una volta ancora quella nota profezia di Karl Marx secondo la quale la “la storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa”. Duri, puri e intransigenti con i massoni da dopolavoro ferroviario; servizievoli, carini e accorti con i massoni di spessore. Sinceri complimenti. Noi del Moralista, a differenza di tanti altri, non possiamo dirci stupiti della parabola assunta dal Movimento 5 Stelle, avendo  compreso con discreto anticipo sia il ruolo di Casaleggio (clicca per leggere), che quello di Luigi Di Maio, vero politicante da batteria cresciuto rapidamente con gli estrogeni (clicca per leggere). La nuova linea del Movimento 5 Stelle prevede quindi la difesa dell’euro e la richiesta di più flessibilità all’Europa, elevando perfino il premier inglese Cameron a modello da imitare (clicca per leggere). Stiamo parlando dello stesso Cameron che in patria distrugge il welfare dei suoi cittadini e all’estero combina guai ammazzando a piacimento dittatori sgraditi alla Gheddafi in compagnia di altri sanguinari personaggi come Hillary Clinton e Nicolas Sarkozy. In conclusione: il Movimento 5 Stelle, a furia di “progredire”, è diventato identico al PD (manca solo che dicano che “ci vuole rigore ma anche la crescita”). La teoria darwiniana sul miglioramento e sull’evoluzione della specie è quindi oggi definitivamente smentita nei fatti. E anche le teorie “spenceriane”, quelle che innalzano il “progresso” a “signore della Storia”, non si sentono tanto bene.

    Francesco Maria Toscano

    24/03/2016

    Categorie: Politica

    25 Commenti

    1. Lode e ammirevole per il coraggio che ci accumuna. Lunga vita!

    2. […] il Moralista Quanto sono lontani i tempi in cui Beppe Grillo, in maniera sibillina, spiegava come il governo […]

    3. Gios scrive:

      Damerino sicuramente ma “dott.” non mi pare. Credo che non abbia trascorso molto tempo sui libri; infatti è già vicepresidente della camera e,probabile, candidato alla presidenza del consiglio. Gli stro…i come noi, scusatemi il termine, che all’ età di quel bambinello sbattevano la testa sui libri, in Italia non contano niente…

    4. Antonio scrive:

      Siamo sicuri che il M5S voglia realmente cimentarsi nell’azione di governo? CREDO DI NO!Le candidature a sindaci di Roma e Milano lo dimostrano.Meglio una onorevole e poco rischiosa opposizione, che un plateale fallimento in una possibile azione di governo.Non si regna senza la volontà dei poteri forti occulti e questo una persona astuta come Grillo lo sa.Forse i contatti massonica presunti di Di Maio sono future prove tecniche di trasmissione?

    5. Antonio scrive:

      Siamo sicuri che il M5S voglia realmente cimentarsi nell’azione di governo? CREDO DI NO!Le candidature a sindaci di Roma e Milano lo dimostrano.Meglio una onorevole e poco rischiosa opposizione, che un plateale fallimento in una possibile azione di governo.Non si regna senza la volontà dei poteri forti occulti e questo una persona astuta come Grillo lo sa.Forse i contatti massonici presunti di Di Maio sono future prove tecniche di trasmissione?

      • Paola scrive:

        Alla fine le sconosciute Raggi e Appendino, l’hanno spuntata…forse, potremo scoprire l’arcano di queste candidature, con l’evento dei fatti!
        Intanto, l’esordio della Raggi, è stato tutt’altro che semplice. Alla fine il 7 luglio, il neo sindaco ha annunciato la nuova giunta, ma è lecito domandarsi: il neo sindaco di Roma è libero nelle sue scelte? E perchè in ogni caso, ha fatto scelte un pò…
        discutibili, come l’inserimento nella sua squadra di governo di Frongia e Marra?
        (articolo correlato):

        PAOLA da BLASTINGNEWS:

        http://it.blastingnews.com/politica/2016/07/beppe-grillo-fa-pressing-su-virginia-raggi-00997257.html

    6. roby scrive:

      il moralista, il mezzo neurone al servizio delle scimmiette lobotomizzate.

    7. Antonio scrive:

      Egregio Roby perché non ti apri ad una dialettica, argomentata contrapposizione con il moralista, piuttosto che a battute che credo facciano ridere solo Ivan?

    8. Gianluca scrive:

      Siamo circondati da #gatekeepers… Lupi travestiti da agnelli.
      Poco fa ho sentito Magaldi dire che appoggeranno Hillary Clinton, e ovviamente non posso dire di essere sorpreso, ma sicuramente una conferma del grande gioco delle Ur-Lodge (poliziotto buono e poliziotto cattivo).
      Ora dico io, come fa un vero progressista ad anteporre (sto facendo una sintesi brutale), valori astratti come “Unione Europea” al benessere di milioni di cittadini? Come fa a dire “Con Israele senza se e senza ma”, quando un vero massone dovrebbe stare da parte di tutti gli uomini, e del loro benessere… a prescindere dell’organizzazione territoriale e delle relative bandierine?…
      Per non parlare della smaccata partigianeria per gli USA, e non tanto prudente appoggio alla guerra all’Isis…
      Io mi sono fatto l’idea invece che, un vero libertario, al contrario dovrebbe essere abbastanza allergico a grandi costruzioni sovranazionali, sempre più potenti… e per certi versi anche agli stati nazionali, o forse vorrebbe combattere il potere con il potere?…

      • Illo tempore scrive:

        “vero massone”… chi sarebbe costui?

        Credere che ci siano massoni buoni e massoni cattivi, così come per i poliziotti, fa il gioco del Sistema.

        La vera mission di Magaldi (e di quelli come lui) è proprio questa: convincerci che l’oracolo è esso stesso divinità, quando non è che uno scaltro imbonitore a pronta cassa, come sempre…

        Il comun denominatore di molte, troppe strategie narrative (sia massoniche che d’oltretevere) è il solito: quant’è buono lo Zio Sam, quanto ci vuole bene e che bello essere i suoi nipotini preferiti.
        Fatto è che siamo in periodo di golpe conclamato dal 2011, ma pochi sembrano ricordarlo.

        Il distacco dalla realtà è direttamente proporzionale alla materializzazione della narrativa fantastica che, ormai, racchiude l’essenza della politica nella nostra Italietta.
        Come se Renzi fosse il Presidente del Consiglio.
        Come se Mattarella fosse il Presidente della Republique.
        Come se i massoni buoni esistessero davvero.
        Come se i fessi non votassero PD, o PDL, o 5S, o… caxxo, qui mi sono incartato….

        • Ivan Stronzoski scrive:

          Gianluca riguardo il “vero libertarianesimo”, dovresti incominciare seriamente a prendere in considerazione la posssibilita’ che non esista e che sia mera retorica,peraltro neanche tanto originale.
          Non che dalla parte opposta,cioe’ quelli che parlano di neosovranita’ nazionale magari riottenuta con esaltazioni di massa piazzaiolo-paragolpiste,stiano tanto messi meglio.
          Tu devi capire che il “mercato delle idee” è come ogni mercato.Una strategia di gestione dei mercati(degli uomini quindi) è la “segmentazione”.
          Definizione da wikipedia:
          Marketing segmentato o differenziato o segmentazione multipla: consiste nell’adattare l’offerta ai bisogni di uno o più segmenti; si usa nei mercati in cui le preferenze sono agglomerate, cioè ogni gruppo manifesta gusti che si scostano da quelli di un altro gruppo. Le imprese operanti in questo modo sviluppano prodotti e strategie diverse per ciascun gruppo.
          Come puoi vedere si potrebbe a questo punto supporre, che un’unica “impresa” possa gestire due prodotti mentali opposti per generare un meta-target di “creduloni”?

        • Petrus scrive:

          E bravo Paulus.

        • Eterno apprendista scrive:

          La vera massoneria esiste e si occupa di spiritualità ed esoterismo,non di politica. e non ha nulla in comune con le associazioni “paramassoniche“ come le ur-lodges di Magaldi. Purtroppo esiste molta ignoranza e disinformazione su questo argomento. Anche per colpa di personaggi come Magaldi stesso che ha fatto di tutto tranne che parlare della vera massoneria. Anzi, personalmente lo annovero tra gli scrittori antimassonici insieme a quel “profano“ di Zagami.

        • Ivan Stronzoski scrive:

          Riguardo il “vero libertarianesimo”, dovresti incominciare seriamente a prendere in considerazione la posssibilita’ che non esista e che sia mera retorica,peraltro neanche tanto originale.
          Non che dalla parte opposta,cioe’ quelli che parlano di neosovranita’ nazionale magari riottenuta con esaltazioni di massa piazzaiolo-paragolpiste,stiano tanto messi meglio.
          Tu devi capire che il “mercato delle idee” è come ogni mercato.Una strategia di gestione dei mercati(degli uomini quindi) è la “segmentazione”.
          Definizione da wikipedia:
          Marketing segmentato o differenziato o segmentazione multipla: consiste nell’adattare l’offerta ai bisogni di uno o più segmenti; si usa nei mercati in cui le preferenze sono agglomerate, cioè ogni gruppo manifesta gusti che si scostano da quelli di un altro gruppo. Le imprese operanti in questo modo sviluppano prodotti e strategie diverse per ciascun gruppo.
          Come puoi vedere si potrebbe a questo punto supporre, che un’unica “impresa” possa gestire due prodotti mentali opposti per generare un meta-target di “creduloni”?

          • Ivan Stronzoski scrive:

            News da comicolandia: “per un grande partito ci vuole un grande pennello”…ma non di cinghiale ,nel caso specifico di cammello saudita :D ahahahahahaha

    9. […] (Francesco Maria Toscano, “A furia di evolversi il M5S è diventato identico al Pd, lo strano caso del dottor Di Maio”, dal blog “Il Moralista”) […]

    10. stefano scrive:

      Lecchini del potere occulto…come quello che ha scritto l’articolo..VI CONSIGLIO DI LEGGERE IL MANUALE DEL LECCACULO…PER AFFINARE LE VOSTRE DOTI

      • Ivan Stronzoski scrive:

        Il poooteeereee occultooo….gombloddoooo….i leccaculiiiiiii….aho’ ma questo è un vero fenomeno :D ahahahaha te prego commenta de piu’ che me fai sbellica de risate :D ahahahahaha

        • stefano scrive:

          Ivan Stronzo…gia il nome si avvicina al leccaculo di stampo Italiano,non ti serve il manuale, si deduce dalla tua ignoranza che di leccate sei esperto, con quel gergo romanista di età tardoantica!ridi ridi e spero che il tuo buco si abitui a stringersi in modo che gli stronzi… non ci passano.

          • Ivan Stronzoski scrive:

            :D ahahahahahah sei er zimbello mio preferito… ah stefanuccio fino a quanno ce stanno li gomblottisti como a te che ar posto de e sinapsi c’hanno a peristalsi…l’unica cosa che posso fa è cacarme addosso pe e risate :D ahahahahahah

    11. mah scrive:

      che bell’articolo inutile, tutte supposizioni fantasiose, nessuna notizia di presunti incontri con massoni ed endorsement a Cameron, pura e semplice aria fritta….piuttosto mi piacerebbe sapere, visto che siete così bravi a fare dietrologia, chi sta dietro a questa specie di blog…
      P.S. sulla frase di Montanelli che mettete ad inizio pagina, Montanelli era lui stesso un moralista, e infatti…

    12. […] di evolversi il M5S è diventato identico al Pd, lo strano caso del dottor Di Maio”, dal blog “Il Moralista” del 24 marzo […]

    Commenta



    + uno = 3

    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    I NUOVI NAZISTI, COME...

    Scritto il 23 - ago - 2016

    2 Commenti

    RENZI E’ AL CAPOLINEA...

    Scritto il 16 - ago - 2016

    8 Commenti

    STORIA DI UNA INTERVISTA...

    Scritto il 11 - ago - 2016

    0 Commenti

    IL CREPUSCOLO DEI GLOBALISTI...

    Scritto il 1 - ago - 2016

    4 Commenti

    BLAIR E’ UN MODERATO...

    Scritto il 14 - mag - 2015

    3 Comment1

    LE CATEGORIE DI DESTRA...

    Scritto il 27 - gen - 2015

    8 Comment1

    PERCHE’ TELESE NON INVITA...

    Scritto il 1 - set - 2013

    9 Comment1

    CHI VUOLE SUBITO RENZI...

    Scritto il 12 - feb - 2014

    11 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.