untitledI massoni globalisti, oramai in piena crisi di panico, non hanno trovato di meglio da fare se non puntare il dito contro Julien Assange, celeberrimo fondatore di wikileaks accusato di essere nientemeno che “un nemico dell’Occidente”. Accidenti. Il New York Times, uno dei pochi randelli mediatici che ancora gode di un minimo di credibilità, ha pubblicato un’inchiesta volta presuntivamente a demistificare la vera natura del noto impiccione australiano, dipinto come una specie di avamposto russo manovrato per colpire i sacri valori del “mondo libero”. Gli autori di questo surreale scoop non mettono in discussione l’autenticità delle notizie veicolate da Assange, preferendo gettare vaghi e non provati sospetti nella speranza, vana e patetica, di riuscire a demolire il personaggio Assange presentandolo alla stregua di un irriducibile “nemico della Patria”. Si dà però il caso che questo tipo di approccio, volto a mostrificare la persona per bypassare il merito delle contestazioni, sia in voga proprio presso quei popoli che gli illuminati giornalisti del New York Post guardano con un misto di fastidio e ribrezzo. “E’ la stampa bellezza!”, direbbe l’insuperato Humphrey Bogart nel famoso film “L’Ultima minaccia” del 1952. Ma il problema è proprio questo. Agli incappucciati d’élite la libertà di stampa piace quando è a senso unico; piace cioè fintantoché il sistema- formalmente plurale- crea dialettiche fasulle che si concentrano solo e soltanto sulle questioni di contorno. Per esempio, dando per assodato che nessuno può mettere per davvero in discussione l’adozione di politiche economiche recessive care alla Germania, il sistema massonico-mediatico provvederà allora a dare vita a finti tormentoni che sprigionano fumo e blindano l’arrosto: “quanta flessibilità l’Europa può concedere all’Italia?”, intorno ad una domanda sbagliata in radice come questa si articolerà perciò di conseguenza un dibattito che è già viziato e manipolato in partenza. I giornali di sistema formalmente progressisti scriveranno che “ci vuole più flessibilità per non strozzare la già debole crescita”, mentre quelli conservatori “insisteranno nel denunciare i pericoli insiti nel ritorno di una finanza allegra che alla lunga condanna le giovani generazioni”. Fatti salvi simili presupposti qualcuno si sforzerà infine di costruire hegelianamente una adeguata sintesi. Questo modello i padroni del vapore lo chiamano senza arrossire “democrazia” e “libertà di pensiero e di espressione”. Che succede però quando pochi sognatori, senza grandi mezzi né denari, riescono a ribaltare il paradigma dominante opponendo la forza della nuda verità alle artate, luciferine, sapienti e costanti menzogne cucinate dal “mainstream”? Succede che i campioni della “libertà d’informazione” e “dei diritti umani” si trovano finalmente costretti a gettare la maschera, disperati fino al punto da ricorrere a tesi ed argomenti prima archiviati con fastidio e alterigia alla voce “complottismo” e “cospirazionismo”. Ricordate il pezzo ridicolo pubblicato qualche tempo fa da un “giornale serio” (si fa per dire) come il Corriere della Sera che spiegava al popolo bue come quel cattivone di Putin stesse mettendo a punto un marchingegno diabolico destinato nel prossimo futuro a controllare le menti delle masse? (clicca per ridere) Ecco, ora vi è chiaro quanto siano caduti in basso. Con buona pace degli alieni che scrivono per il New York Times il peggior nemico dell’Occidente non è Assange ma l’Occidente stesso. Sono le cosiddette élite, quella composte dai vari Clinton, Merkel, Schaeuble et similia, che hanno già disintegrato la nostra civiltà a colpi di terrorismo finanziario e guerre insensate combattute per procura in Medio Oriente con la scusa del terrorismo. Le Pen, Putin, Trump e Farage, tutti a vario titolo dileggiati dai media posseduti dai massoni globalisti, acquistano consenso presso le masse perché promettono discontinuità rispetto ad un modello oggettivamente fallimentare. Per quanto intontiti dalla propaganda subdola e incessante, anche i più idioti alla fine faranno fatica a credere che “la povertà è bella”, che “l’Unione Europea è democratica”, che “la disoccupazione è eccitante” e che “la fine del welfare state rappresenti una opportunità e non un problema”. Non è strano che i cittadini aprano ora finalmente gli occhi; è strano semmai registrare come in tanti si siano bevuti per molto tempo bugie così pacchiane da far insospettire anche un bambino di terza elementare particolarmente sveglio (del tipo: “con l’austerità si cresce!”). In tutto questo bailamme a quelli come Assange- coraggioso oppositore di una dittatura infame e ipocrita- andrebbe fatta una statua.

    Francesco Maria Toscano

    1/09/2016

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    RENZI AL POTERE E...

    Scritto il 14 - feb - 2014

    7 Comment1

    IL POTERE, LA TRATTATIVA...

    Scritto il 3 - mag - 2011

    1 Commento

    SARAS QUEL CHE SARAS

    Scritto il 12 - apr - 2011

    0 Commenti

    IL CREPUSCOLO DEI GLOBALISTI...

    Scritto il 1 - ago - 2016

    4 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.