merkelIl lager europeo, per fortuna, sta per esplodere. Il 2017 decreterà senza ombra di dubbio la fine di questa indegna e malvagia impalcatura comunitaria, governata da un manipolo di assassini in guanti bianchi. Merkel, Draghi, Juncker e Moscovici sono oramai entrati nei panni “dell’ultimo giapponese”, strenui difensori di un sistema di potere già morto e sepolto. Il vento del cambiamento non si può arrestare, favorito anche dalla miopia di personaggi di rara stoltezza che continuano a chiedere “sacrifici” e “aggiustamenti dei conti” mentre la casa brucia. Non bisogna avere pietà per i burocrati europei caduti in disgrazia, da processare in maniera inflessibile per “genocidio” appena le condizioni storiche e i rapporti di forza lo permetteranno (cioè presto). Parimenti non bisogna sottovalutare il ruolo svolto dalla grande stampa nel puntellare e difendere i moderni “nazisti tecnocratici”, protetti oltremisura e senza vergogna da una informazione completamente e spudoratamente asservita ai potenti. Le patetiche grida di dolore che i maggiordomi dell’oligarchia finanziaria come Laura Boldrini lanciano all’indirizzo dei nuovi media fanno sorridere. Smascherato e delegittimato da una impetuosa crescita della consapevolezza di massa, il circuito mainstream non trova di meglio da fare che organizzare crociate contro le presunte “notizie-bufala”, rievocando comicamente atmosfere degne del “ministero della Verità” immaginato dal genio di George Orwell. Altrettanto ridicola è la crociata contro lo “spauracchio russo capace di influenzare le elezioni in occidente”, come se l’occidente- con ben altra forza e pregnanza- non condizionasse da sempre gli affari interni di tutti i Paesi del mondo reputati di “interesse strategico”. Non c’è bisogno di ascoltare “Russia Today” per sapere che questa Europa fa schifo. Non c’è bisogno di venerare Putin per desiderare un radicale cambiamento, considerato lo stato comatoso in cui versa un’Europa dominata da usurai e banchieri che fucilano i giovani e i poveri a colpi di “spread” e “debito pubblico”. Non serve immaginare complotti orditi dalle spie dell’est, basta seguire il buon senso per riconoscere che i cosiddetti “populisti” hanno ragione. Disoccupazione e miseria dilagano mentre le diseguaglianze si allargano a dismisura. In Italia una ristretta élite di parassiti privilegiati controlla gran parte della ricchezza nazionale, mentre una classe politica ignorante e tenuta al laccio dalla finanza immorale continua ad indicare bersagli di comodo come gli “sprechi” e la “corruzione”. Intanto i nomi dei nemici del popolo restano di fatto sconosciuti, perché la grandi banche d’affari e le multinazionali colpiscono coperte al riparo di sigle anonimizzanti che tengono i malvagi al riparo della vista dei buoni. Sulla scena, visibili e indegni, restano soltanto i soliti burattini- i vari Renzi, Padoan, Letta, Gentiloni e compagnia- ingaggiati di volta in volta dal capitale finanziario globalizzato per servire gli interessi di pochi in danno di molti. Tanto, finita la carriera politica tra sputi e sghignazzi, i servi di cui sopra sanno di poter contare sempre sul “paracadute” offerto con generosità dai padroni. Barroso docet. A noi non rimane che continuare instancabilmente a denunciare la crudeltà di un sistema morente che ancora non si arrende. Mario Draghi e Angela Merkel sono capaci di tutto e non lasceranno il timone del potere tanto facilmente. Perfino Tsipras, a capo di una nazione umiliata e sottomessa dai tedeschi, ha finito per baciare la pantofola della nazista in gonnella che impunemente stupra il Vecchio Continente da oltre un decennio. La battaglia non è ancora terminata ma la vittoria è certa. Non bisogna avere paura di ciò che verrà. Nulla è peggio dell’esistente. 

    P.s. il 25 marzo si terrà a Gioia Tauro il primo congresso del costituendo partito “Italia Unita” (leggi la carta dei Valori e degli Obiettivi pubblicati su questo sito). Per informazioni mandare una mail a f.toscano79@libero.it.

    P.p.s Il 21 Marzo, sempre a Gioia Tauro, il generale Mario Mori- su invito di “Italia Unita”- presenterà il suo ultimo libro “Oltre il Terrorismo”. Vi aspetto.

    Francesco Maria Toscano

    14/02/2017

    Categorie: Politica

    10 Commenti

    1. giovanni scrive:

      A proposito di Draghi vi invito a rivedere il video del tg 1(ma anche altri telegiornali) del 6 febbraio sera.
      In esso si vede e sente Draghi rispondere ad un europarlamentare italiano.
      Ad un certo punto Draghi afferma, per ben 2 volte in lingua italiana “l’euro e’irrevocabile”.
      Poi traduceimmediatamente in inglese:
      “Euro Is Revocable”"
      Lapsus Freudiano?
      oppure, oppure un chiaro messaggio massonico ai suoi sodali?
      Da un maestro della parola come Draghi (ricordiamoci il famoso “whatever it takes”) non lo ritengo casuale.
      (magari frsa qualche tempo ci dira’ ve l’avevodetto….)
      pertanto aspettiamoci il diluvio sull’Europa

    2. : scrive:

      Poche illusioni: Trump è stato già “incartato”: il bel sogno è finito. Salvo i fatti dimostrino il contrario..Trump finira ad essere costretto a fare cio che loro vogliono: E’EVINDENTE..DA CIO CHE STA SUCCEDENDO IN QUESTI GIORNI..DALL’IRAN AL GENERALE FLYNN.

      e’ FINITA…..

      SENZA L’APPOGGIO DEGLI STATI UNITI ALLE FORZE ANTI UE……si fa poca strada….è Trump sta perdendo colpi per strada …

      • Burchiello scrive:

        E che fanno, lo ammazzano?
        O lo destituiscono?
        Succederebbe il finimondo in America.
        E se non lo fanno lui andrà avanti.

        Non la vedo cosí disperata ma certamente si sta avvicinando il momento in cui il conflitto non potrà più essere mediato o dissimulato.

        Prevedo un 2017 in crescendo.

        • r scrive:

          credimi…è in un angolino..bello e che fritto. Sarà molto difficile che riesca ad andare avanti.

          La CIA ha giurato che lo farà fuori (lo ucciderà ) oppure gli costruirà addosso un bel processo impeachment per alto tradimento (agente dei Russi…tutti sanno che non è cosi…ma lo faranno lo stesso )

          c’è un bel articolo di Maurizio Blondet che descrive benissimo come è la situazione ..

          • r scrive:

            non mi prende manco il secondo post…non so perché ma non solo qui..ma anche in altri blog..non prende il blog di Maurizio blondet

            andare nel suo blog e cliccare sull’articolo intitolato :LA NATO ADOTTA LA STRATEGIA DELLA SRAGIONE. E FORSE E’ VINCENTE.

            • r scrive:

              @Burchiello

              ma infatti..c’è una spaccatura all’interno delle istituzioni americane…e il pericolo di una guerra civile interna è concreto (qui nei mass media nostri non ne parlano…ma io seguo l’informazione americana main stream e alternativa…e del pericolo di una guerra civile interna se ne accenna sempre più spesso. Ci aspettano tempi difficili molto ma molto difficili…

    3. learco scrive:

      Gli stessi poteri internazionali che hanno manovrato a favore di Hillary Clinton e contro il generale Flynn, sono da sempre i garanti della Merkel e gli oscuri strateghi della sua resistibile ascesa ai vertici tedeschi ed europei, come dimostra questo vecchio, ma sempre interessante articolo:

      https://www.investireoggi.it/forums/threads/la-merkel-come-agente-doppio.28947/

    4. Renato Protti Miracca scrive:

      Come sempre, lodevole articolo. Detto ciò, ” Mentre una classe ignorante è tenuta al laccio dalla finanza immorale… ecc >>. Voglio dire, siamo consapevoli che la classe politica ignorante sia così ignorante? Avete mai visto e sentito il benché, minimo amministratore anche di un paesino insignificante ( in terra di Lomellina è zeppo di Comuni insignificanti peggio delle cattedrali nel deserto) sia in stato di indigenza: Mai! Voglio dire oltre ad attaccare ” i soliti noti ” mettiamo alle strette anche gli amministratori locali, affinché il cittadino possa percepire che il suo peggior nemico è colui che in forma amministrativa gli ha chiesto il voto e di fatto, lo pone ( ossia il medesimo votante) in sudditanza oppure facente parte della ” Società Liquida “.

      Lunga vita!

    5. rrrRRRrrr scrive:

      Interessanti considerazioni di Barra Caracciolo su Trump…

      http://orizzonte48.blogspot.it/2017/02/trump-al-bivio-della-democrazia.html

    6. Geppo scrive:

      Requiem per un blog finito in tristezza

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA PANTOMIMA DEL COMPLOTTO...

    Scritto il 20 - set - 2017

    0 Commenti

    PER QUANTO SI SFORZINO...

    Scritto il 17 - set - 2017

    0 Commenti

    KIM HA IMPARATO LA...

    Scritto il 6 - set - 2017

    0 Commenti

    IL NUCLEARE DI PYONGYANG

    Scritto il 4 - set - 2017

    0 Commenti

    IL POTERE, LA TRATTATIVA...

    Scritto il 3 - mag - 2011

    1 Commento

    IN MEMORIA DI HUGO...

    Scritto il 8 - mar - 2013

    2 Comment1

    BERTOLASO, NAPOLITANO E IL...

    Scritto il 5 - ago - 2012

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.