DraghiIn quella che i servi del regime chiamano pomposamente “democrazia”, il cittadino conta solo una volta ogni cinque anni, nell’atto cioè di inserire una scheda nell’urna per indicare il partito da sostenere. Punto. Finite le elezioni il cittadino ritorna a non contare nulla, mentre i “suoi rappresentanti” in Parlamento possono tranquillamente fare l’esatto contrario di quanto promesso in campagna elettorale, cambiare casacca, schieramento e vendersi brillantemente al maggiore offerente. Prendete il caso Alfano. Eletto con Berlusconi nel 2013, il prode ministro degli esteri si è poi calato nel ruolo di stampella del Pd per cinque lunghi anni, fregandosene altamente dei desideri dell’elettorato. Le elezioni sono solo una grande presa in giro, perché l’oligarchia decide le riforme da approvare o da bocciare sulla testa di politicanti corrotti ed eterodiretti da poteri massonici e finanziari. Chiunque vinca le ricette saranno sempre le stesse: “riforme strutturali”, “privatizzazioni”, “smantellamento di welfare e pensioni” e “distruzione del diritto del lavoro”. Il Pd insieme a Forza Italia e ai centristi ha già dato prova sotto il governo Monti di volere assecondare e sostenere le mire sterminatrici dei massoni mondialisti che hanno apparecchiato questo nuovo e ingegnoso Olocausto in salsa tecnocratica, mentre i partiti “antagonisti”- Lega e Movimento 5 Stelle- possono ancora sventolare una presunta patente di verginità. Per cui, tutti quelli che non tifano apertamente per la prosecuzione dello sterminio ordinato dalla Germania merkeliana, dovrebbero in teoria votare per Grillo o Salvini nella speranza di fermare i nuovi Mengele che da dieci anni inducono al suicidio volutamente le classi più deboli con la scusa del debito pubblico. Illudetevi pure, ma tanto non servirà a nulla. In primo luogo i partiti antagonisti sono “antagonisti” solo fintantoché restano all’opposizione, una volta entrati nelle stanze del potere diventano subito “governativi” e “responsabili”, termini orwelliani che significano servi dell’oligarchia finanziaria e della massoneria mondialista. Alcuni, tipo Di Maio dei cinquestelle, si portano avanti con il lavoro da anni, lisciando il pelo in ogni occasione ai “poteri forti” che vogliono sentirsi rassicurati sul fatto che “tutto cambierà affinché nulla cambi”. La Lega, già “rivoluzionaria” negli anni ‘90, è poi diventata il partito del “trota” e di Belsito, tenendo per anni il moccolo ad un Berlusconi sempre tenuto al guinzaglio dal vertice del potere occulto incarnato dall’ineffabile Mario Draghi. Quindi, di che parliamo? Dobbiamo ammettere che Lenin aveva pienamente ragione nel sostenere che “la finanza, la borsa è tutto, mentre il voto, le elezioni sono un gioco di burattini, di pupazzi”. Ma si può anche fare finta di credere che nel Parlamento, per quanto popolato da voltagabbana, delinquenti e ignoranti, risieda la “volontà popolare”; si può far finta di crederci purché i “rappresentanti del popolo” non ordiscano in maniera sfacciata trame assurde contro il popolo stesso, affamato, depredato e colpito di continuo da chi in teoria dovrebbe tutelarne gli interessi. L’unico argomento serio che andrebbe dibattuto con forza riguarda la permanenza dell’Italia nell’euro, camicia di forza che ha disintegrato in pochi anni il benessere nazionale faticosamente conquistato dal dopoguerra in avanti. Ma proprio perché si tratta di un argomento importante, e sgradito all’élite finanziaria e assassina, nessuno ne parla più. I leghisti e i grillini preferiscono le comodità di Cernobbio ai rischi insiti nella lotta, limitandosi a fare un po’ di “ammuina” per calamitare le delusioni dei gonzi che non sanno più a quale santo votarsi. La democrazia rappresentativa è morta e sepolta, perché la strada che conduce alla libertà va ricercata nel Paese reale, e non nelle stanze ovattate frequentate da balordi che fanno finta si scontrarsi a beneficio di telecamera per poi accordarsi sulla pelle di chi non può difendersi. Sarebbe ora di prenderne definitivamente atto.

    P.s. A dicembre uscirà il mio nuovo libro, il “Nazismo Tecnocratico”, che spiega genesi, ratio e svolgimento di questo Olocausto contemporaneo

    Francesco Maria Toscano

    2/09/2017

     

    Categorie: Editoriale

    3 Commenti

    1. renato protti miracca scrive:

      Caro Francesco, a volte ti dimentichi che l’opposto sta divenendo realtà…..

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA PANTOMIMA DEL COMPLOTTO...

    Scritto il 20 - set - 2017

    0 Commenti

    PER QUANTO SI SFORZINO...

    Scritto il 17 - set - 2017

    0 Commenti

    KIM HA IMPARATO LA...

    Scritto il 6 - set - 2017

    0 Commenti

    IL NUCLEARE DI PYONGYANG

    Scritto il 4 - set - 2017

    0 Commenti

    IL NUCLEARE DI PYONGYANG

    Scritto il 4 - set - 2017

    0 Commenti

    INCHIESTA STATO-MAFIA. CHI HA...

    Scritto il 17 - lug - 2012

    2 Comment1

    CHI HA PAURA DEL...

    Scritto il 24 - nov - 2014

    16 Comment1

    LE MASSONERIE OCCULTE E...

    Scritto il 23 - apr - 2016

    14 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.