Putin“…Dall’Afghanistan all’Iraq, dalla Libia alla Siria (per non parlare delle “Primavere Arabe”) si ripete sempre senza fantasia lo stesso identico schema: demonizzazione costante del dittatorello di turno dipinto a reti unificate quale quintessenza del male che tortura il suo stesso popolo con le modalità più atroci, per aprire la strada allo sbarco del “sempreverde” esercito del bene che mette a cuccia i cattivi e restituisce dignità e libertà ai poveri oppressi. Questa storiella che suscita ilarità in chi possiede anche solo la parvenza di un pensiero critico continua tristemente a funzionare anche nell’anno di grazia 2018 (ora è il turno dell’Iran)…”. Questa analisi è contenuta a pagina 181 del mio libro “Dittatura Finanziaria”, recentemente pubblicato con la casa editrice “Uno”. La rimarco perché credo si tratti di una buona base di partenza per decifrare l’attuale contesto geopolitico, raccontato in maniera fraudolenta da un circuito mediatico dominante che prova pateticamente ad occultare alcune macroscopiche evidenze sotto il fuoco di una tambureggiante campagna diffamatoria che, nemica della logica, della verità e della razionalità, tende solo a suggestionare la pubblica opinione occidentale preparandola allo scoppio dell’ennesima orwelliana “guerra per la libertà”. In questi giorni le migliori centrali di intelligence di matrice atlantica, spesso legate a doppio filo al mondo del “giornalismo” come bene argomenta Giovanni Fasanella nel suo ottimo libro “Colonia Italia”, sono molto impegnate nel costruire “fake news” (apro una parentesi: leggete l’illuminante libro pubblicato da Enrica Perucchietti e titolato per l’appunto “Fake News”), dal caso “Skipral” a quello recentissimo riguardante il presunto attacco chimico consumato dal solito Assad contro i non meglio identificati “ribelli moderati” (che sarebbero quelli che uccidono ma con educazione). Bisogna dire che gli uomini che guidano questo triste circo globale che si alimenta delle veline partorite da alcuni servizi segreti, sempre rilanciate in pompa magna dalle solite agenzie di stampa internazionali, non hanno molta fantasia. I “burattinai”, infatti, raccontano di continuo la stessa storia, quella che dipinge le gesta perverse del “gasatore” di turno tosto punito dall’implacabile arrivo dei giustizieri a stelle e strisce che non tollerano soprusi. Sarebbe ora che dalle parti di Langley assumessero un nuovo “sceneggiatore”, considerato che dopo la figuraccia planetaria consumata da quel genio di Colin Powell, serafico nel denunciare l’arsenale chimico di Saddam nel mentre di sventolare una boccetta di profumo a beneficio di telecamera, il pretesto “veleni” è alquanto inflazionato. Per consumare una nuova “inutile strage” in Medio Oriente, il potere atlantico dovrebbe almeno fare lo sforzo di partorire una scusa più originale. Il dubbio circa il carattere assolutamente strumentale e falso delle accuse mosse contro la Russia per il caso della spia doppiogiochista uccisa secondo il governo inglese con il gas nervino da Putin in persona, ma poi incredibilmente “resuscitata” proprio nei giorni in cui gli ortodossi festeggiavano la Pasqua (miracolo!), e di quelle avanzate contro la Siria di un Assad perennemente dipinto in versione “piccolo chimico”, deve avere sfiorato perfino Donald Trump, il cui avvocato di fiducia è stato in questi giorni “casualmente” perquisito nell’ambito dell’inchiesta denominata “Russiagate”. The Donald è ora costretto a mostrare al mondo che le ipotesi di contiguità con la Russia sono destituite da ogni fondamento. Il modo migliore per provarlo? Bombardare Damasco in spregio a Putin, of course. Questo è quello che si aspetta lo “stato profondo” che ha oramai “normalizzato” Trump, un uomo probabilmente troppo ricattabile per consentirsi il lusso della libertà.

    Francesco Maria Toscano

    11/04/2018

    Categorie: Editoriale, Esteri, Politica

    3 Commenti

    1. gengiss scrive:

      Gli hanno pure incendiato la Trump tower, un messaggio mafioso piuttosto esplicito…

    2. […] DALLE PARTI DI LANGLEY TROVINO UN ALTRO SCENEGGIATORE. LA STORIELLA DELLE ARMI CHIMICHE È ORAMAI IN… […]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    COLPIRE ORA AL CUORE...

    Scritto il 11 - dic - 2018

    1 Commento

    LA RESA DI THERESA,...

    Scritto il 10 - dic - 2018

    1 Commento

    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    LA PARABOLA DI TRUMP,...

    Scritto il 7 - nov - 2018

    1 Commento

    L’EUROPA, I TECNICI E...

    Scritto il 29 - ago - 2014

    161 Comment1

    IL MOVIMENTO ROOSEVELT VINCE...

    Scritto il 18 - giu - 2015

    22 Comment1

    UNA REPUBBLICA FONDATA SUL...

    Scritto il 16 - giu - 2014

    2 Comment1

    LA CRISI COME STRUMENTO...

    Scritto il 28 - mag - 2012

    5 Comment1

    PRODI PER TUTTE LE...

    Scritto il 19 - apr - 2013

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.